«Et nuestro señor Dios [...] Fizo commo el buen amigo»: l’esempio XLVIII del Conde Lucanor e i suoi paralleli (una rilettura)

Autores/as

  • Salvatore Luongo Università di Napoli “l’Orientale”

DOI:

https://doi.org/10.37536/RPM.2015.29.0.53285

Palabras clave:

Conde Lucanor, «Prova degli amici», Intertestualità, Interpretazione gurale

Resumen

Il nucleo narrativo dell’esempio XLVIII del Conde Lucanor, dedicato al tema dell’amicizia, è il frutto di un complesso montaggio intertestuale. Esso si ricollega al primo racconto della Disciplina clericalis (De dimidio amico) e alle sue rielaborazioni (le versioni tramandate dai Castigos y documentos del rey don Sancho e dal Libro del caballero Zifar), ma vi risultano integrate anche alcune componenti diegetiche costitutive del secondo, complementare racconto offerto da Pedro Alfonso (De integro amico), funzionali alla lettura tipologica che don Juan Manuel, per bocca di Patronio, ne proporrà in sede di commento. Anche questa operazione è tuttavia il risultato di un incrocio, stavolta con un altro ramo, pure di origine orientale, della tradizione narrativa sulla fede amicale, rappresentato dall’esempio dei «tres amigos» tramandato in castigliano dal Barlaam e Josaphat, che, insieme a una serie di riprese dei tre tipi di racconto nella letteratura esemplare mediolatina, offriva un modello interpretativo in chiave allegorico-cristiana del motivo della «prova degli amici». 

Descargas

Los datos de descargas todavía no están disponibles.

Descargas

Cómo citar

Luongo, S. (2015). «Et nuestro señor Dios [.] Fizo commo el buen amigo»: l’esempio XLVIII del Conde Lucanor e i suoi paralleli (una rilettura). Revista De Poética Medieval, 29, 191–218. https://doi.org/10.37536/RPM.2015.29.0.53285

Número

Sección

Artículos monográfico